Petizioni per gli Animali

 

L'ASINELLO E IL LUPO

Un lupo e un asinello sono relegati in una gabbia a 40 km da
Tirana in Albania. L'asinello è stato inserito nella gabbia come pasto per il
lupo, ma i due animali sono diventati amici e adesso sono anche
diventati l'attrazione dei curiosi e dei media locali. Questi poveri
animali sofferenti vivono in condizioni inumane.

Facciamo sentire la nostra voce per liberare i due amici. La
petizione dice di liberare i due animali e chiede di sistemarli in un ambiente
appropriato.


METTIAMO FINE AL LORO DOLORE - FIRMA- SOLO NOME, COGNOME, POSTA ELETTRONICA, CODICE CITTA', ITALY- SI PUO' ANCHE RESTARE ANONIMI

clicca sotto

 
http://www.thepetitionsite.com

 

 


Fermiamo la strage di delfini e balene in Giappone

I cetacei sono in grave pericolo per molti motivi, tutti causati dalle attività umane, indirette o dirette.
Tra quelle indirette possiamo citare l’inquinamento degli oceani con veleni (per esempio i metalli pesanti come il mercurio), petrolio e derivati, plastica che viene poi ingerita, rumori assordanti che impediscono le funzioni di ecosonar e il reperimento di compagni e di località di nutrizione condivise, eliche rotanti che feriscono e uccidono. Quelle dirette comportano l’uccisione volontaria degli animali a scopo di sfruttamento economico delle loro carni e/o di parti “pregiate” che fanno parte dei loro corpi (fanoni e grasso di balena, spermaceti).
Siamo certi che i frequentatori del sito di A.S.E.T.R.A. si uniscano a noi nell’affermare che i cetacei non possono essere dichiarati “proprietà” di qualcuno e fatti oggetto di vere e proprie stragi che si concludono con la macellazione per essere poi venduti come carni pregevoli e costosissime per assecondare il mercato del consumatore giapponese.
Il Giappone non osserva le regole e i divieti di caccia imposti dalla commissione baleniera internazionale o cerca di superarli comprando i voti dei Paesi poveri. Anno dopo anno il Giappone continua a uccidere nonostante la gran parte dei cittadini del mondo dica NO.
È disponibile un video che testimonia la strage dei delfini che periodicamente viene perpetrata, video che consigliamo di vedere anche per capire, tuttavia avvisiamo che le immagini sono davvero strazianti, non solo per il modo in cui vengono catturati, ma per come sono trattati e, soprattutto, per come sono uccisi e che tipo di agonia debbano sopportare.
Abbiamo ora la possibilità di dire la nostra, firmando una petizione on-line indirizzata al Primo Ministro del Giappone. Probabilmente non servirà, ma se anche solo potessimo far sentire la forza dello sdegno, non sarà uno sforzo invano.

Preghiamo tutti i lettori di firmare:

http://www.PetitionOnline.com/golfinho/



Versione stampabile

Mappa del sito

 

E-mail